Fantasy Italia  
 
 
•  Portale  •  Indice del Forum  •  Galleria Fantasy  •  Downloads  •  Profilo  •
 
 
La Leggenda del Drago Verde

Nessun Giocatore Online

Entra nella Leggenda!

Menù
Home :
· Portale
· Forum
· GdR & Fantasy
· Chi siamo
· Chat
· Sondaggi
News :
 Argomenti
 Archivio Articoli
 Invia News
 Cerca
Biblioteca :
 Racconti
 Biografie
 Recensioni
 Invia Racconto
Galleria :
 Galleria Fantasy
 Galleria Utenti
 Invia Immagine
Downloads :
 Downloads
 Invia File
Links :
 Web Links
 Segnala Link
 Scambio Banner
Informazioni :
 Contattaci
 Statistiche
 Top 10
Sondaggio
Qual'è il miglior GDR di tutti i tempi edito in italia?

Cthulhu
Cyberpunk
OD&D (D&D basic + expert set)
Advanced D&D 2nd ed
D&D 3 e 3.5
D&D 4
Girsa
GURPS
Lone Wolf
Paranoia
Vampiri: masquerade
Vampiri: il requiem



Risultati
Sondaggi

Voti: 3183
Commenti: 10
Siti Partner
www.lanotteeterna.com
La Notte Eterna


www.skypok-design.com
Skypok Design


morgensterngdr.altervista.org
Morgenstern GDR


The Black Circle
The Black Circle


www.visivagroup.it
Visiva Group


www.terrediextramondo.com
Terre di Extramondo


www.labarriera.net
La Barriera


www.kaosonline.it
Kaos Online


Diventa Partner

Arnix Daeron di Remelord

Mi svegliai sotto un albero, i miei abiti erano laceri, mi doleva la testa, avevo le mani insanguinate. Un gemito proveniente dalla mia destra attirò la mia attenzione: era mio padre, aveva il petto lacerato da molte ferite e botte. All’improvviso un vortice di domande invase la mia giovane mente: perché mio padre era ridotto in quello stato? Comincia a ricordare ciò che era successo: c´era stata una grande battaglia tra la mia città natale, Remelord e le forze oscure del reame di Solaris. Mio padre era a capo della cavalleria del regno, e io lo seguii per osservare lo scontro.

Decisi di alzarmi. Mi feci forza, le gambe dolevano e copioso il sangue scendeva dalla fronte, ma non ricordavo come ciò fosse successo. Arrivato all’imponente figura di mio padre straziato dalla battaglia rimasi inorridito. Ricordo che mi disse poche parole:"devi cercare tuo .................."Cosa intendeva dire? Cercare che cosa? Il forte animo di mio padre si spense, preso dal panico fuggii nel bosco sporco di sangue e tremante. Caddi a terra. Non riuscivo a rialzarmi. Credevo che per me fosse la fine. Chiusi gli occhi.

Lentamente aprii gli occhi, le immagini dapprima sfocate piano a piano si fecero più nitide e la prima cosa che vedetti fu una donna molto bella che cantava. Lei mi tenne con se, mi insegnò a leggere e a scrivere, mi parlò molto dei cavalieri e delle loro imprese e in me cresceva sempre più insistente il desiderio di essere come loro. Sfogliando alcuni libri venni a conoscenza di creature mistiche e molto potenti, chiamate Draghi, ma non c’era nessuna illustrazione. Passarono gli anni sempre in compagnia di Lei e io raggiunsi la maggiore età. Lei mi disse che dovevo partire, per costruirmi una vita, per vivere secondo i miei ideali e per soddisfare le mie aspirazioni. A lungo vagai, a est e a ovest, nord e sud, incontrai gli Elfi, che mai prima d´ora avevo visto e mi fermai presso di loro alcuni anni.



Gli Elfi mi informarono di un loro simile, molto somigliante a me e con i miei stessi modi di fare e con lo stesso accento. Incuriosito da tale essere tanto simile a me mi informai presso alcune tribù di barbari del Nord: anche loro avevano avuto un incontro con questo presunto mio sosia, dissero che si chiamava Quantin e stava cercando suo fratello, un certo Arnix. Rimasi esterrefatto. Dunque era mio fratello che stavo cercando? Oppure qualcuno che si spacciava per tale? Mi misi subito in cammino, verso nord. Cavalcai giorno e notte, chiedendo informazioni di città in città, ad ogni passante, ad ogni straniero. Dopo un anno di ricerche venni a conoscenza di una torre, situata tra i monti a Nord di Solaris, dove abitava un potente Stregone di nome Uedam, che pareva avesse rapito mio fratello.



La torre era una colossale costruzione di pietra, di un colore misto tra il grigio e la pece, molto alta e con un strana aura malvagia.







Cautamente mi avvicinai, sentendo il mio cuore oppresso da tanta malvagità. Con fatica arrivai finalmente ad un enorme portone di legno, invecchiato dagli anni e bucherellato dai tarli, ma aveva un aspetto imponente, come tutta la costruzione del resto. Come per magia la porta si aprì con un lento scricchiolio dei cardini arrugginiti, e si aprì davanti a me un'enorme salone, con il pavimento a scacchiera e un puzzo di muffa allucinante. Al centro del salone c'era un elfo, con gli occhi chiusi e una spada insanguinata in mano. Spontaneamente urlai: "QUANTIN!" L'elfo puntò la spada in mia direzione, poi la riportò sul fianco e cominciò a ridere di gusto. In un batter d'occhio mi fu addosso con la spada in mano e infierì su di me con un potentissimo fendente alla fronte, non mi accorsi di nulla, solo un tremendo dolore. Mi accasciai al suolo, in un vortice di sensazioni e dolori, ricordi, profumi..... Poi, ad un certo punto, lo vidi avvicinarsi a me, ma non era quello di prima, aveva il volto più umano, sensibile, caldo.... Ricordo solo alcune parole di quel che mi disse: "Prendi il mio anello, tutto il male che ho fatto non può più essere ripristinato, ma non è mai troppo tardi fratello... Con questo artefatto troverai la forza di continuare, di guardare avanti, di non voltarti mai indietro. Sei tu, ora, il suo portatore. Esso nasconde un grande potere ma sta a te scoprirlo, altro non posso dirti..... "







La sua immagine si spense in un alone scuro. Quando rinvenni mi ritrovai a casa di Lei, ma ella non c'era. La ferita che mi fece Quantin quella volta la porto tuttora con me. Di lui non ho più avuto notizie e dell'anello ancora cerco il potere. Provai a cercarlo in lungo e in largo, a Nord e a Sud, a Est e a Ovest.




Titolo: Arnix Daeron di Remelord
Categoria: Le biografie degli utenti
Autore: Arnix
Aggiunto: January 31st 2005
Viste: 2569 Times
Voto:Top of All
Opzioni: Invia a un amico  Stampa
  

[ Torna a Le biografie degli utenti Principale | Scrivi Commento ]


 
 

Leggi informativa estesa sull'uso dei cookies

Copyright © 2003/4/5 by Fantasy Italia
Generazione pagina: 0.09 Secondi