Fantasy Italia  
 
 
•  Portale  •  Indice del Forum  •  Galleria Fantasy  •  Downloads  •  Profilo  •
 
 
La Leggenda del Drago Verde

Nessun Giocatore Online

Entra nella Leggenda!

Menù
Home :
· Portale
· Forum
· GdR & Fantasy
· Chi siamo
· Chat
· Sondaggi
News :
 Argomenti
 Archivio Articoli
 Invia News
 Cerca
Biblioteca :
 Racconti
 Biografie
 Recensioni
 Invia Racconto
Galleria :
 Galleria Fantasy
 Galleria Utenti
 Invia Immagine
Downloads :
 Downloads
 Invia File
Links :
 Web Links
 Segnala Link
 Scambio Banner
Informazioni :
 Contattaci
 Statistiche
 Top 10
Sondaggio
Qual'è il miglior GDR di tutti i tempi edito in italia?

Cthulhu
Cyberpunk
OD&D (D&D basic + expert set)
Advanced D&D 2nd ed
D&D 3 e 3.5
D&D 4
Girsa
GURPS
Lone Wolf
Paranoia
Vampiri: masquerade
Vampiri: il requiem



Risultati
Sondaggi

Voti: 3085
Commenti: 10
Siti Partner
www.lanotteeterna.com
La Notte Eterna


www.skypok-design.com
Skypok Design


morgensterngdr.altervista.org
Morgenstern GDR


The Black Circle
The Black Circle


www.visivagroup.it
Visiva Group


www.terrediextramondo.com
Terre di Extramondo


www.labarriera.net
La Barriera


www.kaosonline.it
Kaos Online


Diventa Partner

Vento freddo

La notte è buia,la collina deserta.Una figura scura ne sta risalendo lentamente un fianco.Nel buio della notte si leva il vento:un vento forte,un vento freddo.Sullo sfondo della notte d'improvviso il vento mostra agli abitanti della notte un volto,il volto della figura solitaria.Nell'oscurità ora non avanza più un ombra tra le ombre ma una donna si muove decisa verso la cima di una collina deserta in una notte scura.Ha capelli rossi,nel buio si muovono nel vento sembrando sangue.La donna ha un nome che nessuno pronuncia più da molto tempo,un ricordo lontano di un tempo lontano.Ma nel buio della notte il vento freddo e forte sembra gridarlo-Alanye -dice il vento-Ricordo il tuo nome,e tu lo ricordi?Ricordi il tuo nome?-questo sembra dirle il vento.-Lo ricordo.Ricordo il mio nome-sussurra Alanye come per rispondere agli elementi.Dopo molto tempo quasi un eternità,la ragazza dai capelli del colore del sangue sente un dolore antico tornare dal luogo dove l’aveva sepolto,giù in profondità dove il cuore non sarebbe dovuto arrivare.Ma il cuore conosce strade segrete per i luoghi dell’anima dove si nasconde il dolore così,quando il vento è freddo,quando il vento è forte e la notte è buia,il dolore,alle volte,torna dalla sua prigione. Alanye non si ferma,il dolore e tutto il resto aspetterà. La cima della collina è vicina.Alanye la raggiunge,si ferma e respira l‘aria fredda della notte buia.-Ti aspettavo-dice una voce nell’ombra.La ragazza fissa le tenebre e poi lo vede.E’ un uomo dai lunghi capelli bianchi,dagli occhi come abissi neri.Occhi che non conoscono più pietà e passione.Occhi morti di chi una volta è stato vivo.L’uomo che sembra vestito di tenebra avanza per fermarsi ad un passo da Alanye.-Sapevo che saresti venuta.-un sibilo,niente più.

-Sei cambiato.-risponde la donna con voce piatta,poi esitando per un attimo-Questo...è il destino?

-Se lo è o se non lo è comunque è la fine.

-Già.-la donna fa un passo indietro e sfoderando la spada-Mi chiedo come siamo arrivati qui,come è potuto succedere..

L’uomo vestito di tenebra non risponde ma con un unico movimento sfodera la sua spada dalla lama nera,una condanna a morte per chiunque gli stia di fronte, e forse per un istante nei suoi occhi senza vita sembra passare rapida un ombra di dolore.Come siamo potuti arrivare a questo?Come è potuto accadere?Poi quello che una volta era un uomo ed ora è solo un ombra tra le ombre di una notte sferzata dal vento è assalito dai ricordi e dalla spada di chi,un tempo,amava.



-Eccomi!Eccomi!-gridava il bambino.Due figure tenui correvano su colline verdi dove l'erba era ancora umida per la pioggia.Uno era un bambino dai capelli neri e dagli occhi azzurri, vestito con una casacca verde e pantaloni di stoffa grigi.Una era una bambina dai capelli rossi e dagli occhi verdi,vestita con un abitino marrone.Si inseguivano sotto un cielo infinito.Si inseguivano sotto le nuvole che se ne stavano lentamente andando verso l'orizzonte accompagnate dal vento dolce.Sotto un albero solitario,ai piedi della collina,i due bambini si trovarono,senza fiato sorridenti.-Non vale Hyunkel!Avevi promesso che mi davi più vantaggio questa volta-

-Sei stata...-Hyunkel fece una pausa per riprende fiato-...lenta Tyan.Se fossi stato un drago ora ti avrei già mangiato.-

La bambina ,Tyan,mostrò un sorriso scherzoso-Maldestro come sei più che a un drago somigli ad un tasso.

-Un tasso!Ora ti faccio vedere io!-il gioco riprese tra il divertimento senza colpa,senza pensieri come solo i bambini possono provare.Le storie di sangue e lacrime cominciano così:nella luce,nei sorrisi.Hyunkel e Tyan,due bambini.Cosa immaginavano?Cosa sognavano?Il dolore li attraversava come le nuvole che li sovrastavano.Il dolore era lontano?O forse era solo celato?Agli uomini questo non è dato saperlo.Così due amici giocavano,ignari e felici.Il destino però già li fissava con il suo occhio impietoso,preparando per loro la strada verso luoghi oscuri.



Il dolore la colpisce come un pugno,veloce come la spada nera del suo nemico.Alanye si trova in difficoltà.Il suo avversario è forte.E' letale il suo avversario.Questo già lo sapeva.Da lui non avrebbe avuto pietà solo morte.Parando un colpo della sua spada nera che sembrava essere ovunque Alanye ne ammirò la grazia e l'equilibrio:perfetti.La morte le si parava davanti,a non più di un passo, ma lei non aveva paura,ne ammirava la tremenda bellezza.Non poteva distrarsi.Non poteva esitare.La ragazza si immerse nel vuoto,il vuoto che è l’essenza del combattimento,nella calma dove il guerriero diventa la spada.Nella sua mente ora sgombra da ogni pensiero la ragazza non prova niente,né dolore né piacere.Niente.-E’ così che lui si sente-pensò Alanye travolta dalla comprensione dell’uomo di tenebra-Questo è il vuoto che lui ha abbracciato-pensava e in parte,solo in parte,prova se non compassione almeno comprensione.Nella loro danza di morte i due combattenti si allontanano per un attimo, scrutandosi come sospesi nel tempo.L’uomo vestito di tenebra osserva la sua avversaria:è ferita.La sua spada dalla lama nera ha oltrepassato la sua guardia per tre volte.Lui non è stato sfiorato.La sua avversaria ansima provata dalla violenza dello scontro.Lui non dà segni di alcuna stanchezza.-Non puoi vincere.-dice l’uomo vestito di tenebra come se fosse una verità scontata-L’esito è noto.La tua morte è vicina.-

Gli occhi della ragazza sono attraversati da un lampo-Hai dimenticato il tuo nome,debole- disse in risposta con forza-Hai dimenticato chi sei.Codardo!-grida e attacca.

L’uomo in nero non risponde.Perchè avrebbe dovuto?In fondo era vero.Il suo passato lo condannava.Come era potuto arrivare a questo?Come era accaduto? Cos’era quello che provava guardando la rossa guerriera davanti a lui?Non riusciva ormai a dargli un nome,quello era un sentimento travolgente e lui non ne provava ormai da molto tempo.Quello era dolore.Il dolore antico dei ricordi.D’un tratto ricordò l’inizio.Nella furia fredda del combattimento il ricordo lo travolse.Se avesse potuto avrebbe pianto.Ma lui non poteva piangere.Combatte.Ricorda.



-Ti amo-disse Hyunkel a Tyan stesagli a fianco nuda-Ti amo.

-Zitto.-disse lei stringendosi a lui.Ne cercò le labbra e nel silenzio si amarono.Tempi oscuri stavano arrivando trasportati dai venti di tempesta.Lui era un guerriero,un uomo del re,tanta strada per un figlio di contadini.Lei era sua moglie e damigella della corte del re.Guardando sua moglie Hyunkel disse-Oggi sua maestà mi ha affidato una missione che...beh,forse dopo che l'avrò svolta la nostra vita cambierà.In meglio.Vedi mi è stato detto che..-

Hyunkel non finì mai quello che voleva dirle perchè fu interrotto dal rumore della porta che si frantumava,dal fragore concitato di piedi calzati d'acciaio.Guerrieri.Nemmici.Assassini.Quando la prima lama calò su di loro vide gli occhi di Tyan e la morte e la fine.Poi cominciò il massacro.



Alanye combatte senza risparmiarsi.L'uomo in nero attende.Il vento grida.La fine è vicina.



Quando la voce cominciò a parlare gli assassini erano già usciti dalla stanza.Avevano già violentato e ucciso Tyan.Hyunkel aveva gridato,aveva pianto ma non aveva tradito il segreto del suo signore.Era un uomo del re,non un traditore.La voce giunse da lontano estranea a questa mondo,lontana ,lontana.

-Uomo che muore nel dolore,ascolta perchè non ci sarà una seconda occasione.-Tra le nebbie dell’incoscienza,in un lago di dolore sfortunatamente l'uomo del re udì la voce,sfortunatamente rispose.

-Hanno...sono entrati...hanno ucciso...traditori...-

Disse la voce-Quello che accade nel mondo dei vivi non mi riguarda uomo.Stai morendo e io posso rimandare tutto questo.Posso concederti il potere.Posso donarti la vendetta.Vuoi che loro muoiano?Vuoi che gli assassini del tuo amore muoiano?

-S-s-sì.-disse Hyunkel

-Vuoi continuare a vivere?

-Sì.

-Allora se così hai deciso obbedisci al tuo nuovo signore.-

La voce continuò a parlare e il potere discese in lui.



Quanti anni erano passati da allora?Quante vite la voce gli aveva chiesto di stroncare per aprire la strada tra i mondi?Quante voci tacevano per causa sua?La voce,un demone dell'altrove,il suo nuovo signore da quando,per suo ordine,aveva ucciso il suo re.In cambio della sua dedizione Hyunkel aveva ricevuto vari doni:l'immortalità,il potere e la spada dalla lama nera.Aveva perso tutto il resto.Sulla cima della collina dove il vento è forte l’uomo vestito di notte combatte.Sulla cima della collina dove il vento è forte l’uomo vestito di notte ricorda.



Gli uomini attorno a lui lo guardarono con paura come guardassero la tempesta,come guardassero la fine dei tempi.

-E’ necessario che tu muoia-disse l’uomo avvolto da una veste nera che sembra un drappo di tenebra-Il mio signore...il mio nuovo signore mi ha ordinato di ucciderti.-disse l’uomo che era stato Hyunkel

-Folle!-grida il re degli uomini-Soldati chi di voi può combatta e lo uccida.Uccidete il traditore!

Delle decine di guardie reali restano quattro uomini terrorizzati sporchi del sangue di coloro che hanno tentato un estrema ,eroica,inutile resistenza.Quattro uomini hanno visto la morte camminare tra loro distribuendo l’oblio con la sua lama nera.Quattro guerrieri,tutti uomini del re,tutti soldati fedeli.Attaccarono con ferocia,con audacia.Morirono tutti trapassati dalla nera di un uomo che non era più un uomo.-E’ la fine-disse l’uomo in nero affondando la sua spada nera nel corpo del re.Fu la fine.Fu l’inizio.



La spada nera scatta veloce,tanto veloce che l’occhio non la segue.Il duello è finito.Alanye giace per terra nel sangue che si spande sull’erba.L’uomo vestito di notte le si avvicina come uno spettro nero.Lei lo guarda con i suoi occhi verdi e dice con parole macchiate di sangue:-E’ finita.Ti ho odiato,ho portato come un lutto il tuo il sangue nelle vene. Traditore...hai dimenticato il tuo nome...debole...il...tu...perchè?Perchè padre...

L’uomo in nero non risponde.Il dolore non lo tocca,uno dei doni del suo signore.L’uomo in nero non piange.Si volta e si incammina nelle tenebre,sulla strada della dannazione sferzato dal vento forte e freddo della notte.




Titolo: Vento freddo
Categoria: Racconti FantasyItalia
Autore: Mattia
Aggiunto: December 12th 2007
Viste: 646 Times
Voto:Top of All
Opzioni: Invia a un amico  Stampa
  

[ Torna a Racconti FantasyItalia Principale | Scrivi Commento ]


 
 

Leggi informativa estesa sull'uso dei cookies

Copyright © 2003/4/5 by Fantasy Italia
Generazione pagina: 0.10 Secondi