Fantasy Italia  
 
 
•  Portale  •  Indice del Forum  •  Galleria Fantasy  •  Downloads  •  Profilo  •
 
 
La Leggenda del Drago Verde

Nessun Giocatore Online

Entra nella Leggenda!

Menù
Home :
· Portale
· Forum
· GdR & Fantasy
· Chi siamo
· Chat
· Sondaggi
News :
 Argomenti
 Archivio Articoli
 Invia News
 Cerca
Biblioteca :
 Racconti
 Biografie
 Recensioni
 Invia Racconto
Galleria :
 Galleria Fantasy
 Galleria Utenti
 Invia Immagine
Downloads :
 Downloads
 Invia File
Links :
 Web Links
 Segnala Link
 Scambio Banner
Informazioni :
 Contattaci
 Statistiche
 Top 10
Sondaggio
Qual'è il miglior GDR di tutti i tempi edito in italia?

Cthulhu
Cyberpunk
OD&D (D&D basic + expert set)
Advanced D&D 2nd ed
D&D 3 e 3.5
D&D 4
Girsa
GURPS
Lone Wolf
Paranoia
Vampiri: masquerade
Vampiri: il requiem



Risultati
Sondaggi

Voti: 3066
Commenti: 10
Siti Partner
www.lanotteeterna.com
La Notte Eterna


www.skypok-design.com
Skypok Design


morgensterngdr.altervista.org
Morgenstern GDR


The Black Circle
The Black Circle


www.visivagroup.it
Visiva Group


www.terrediextramondo.com
Terre di Extramondo


www.labarriera.net
La Barriera


www.kaosonline.it
Kaos Online


Diventa Partner

Le mani del magico drago - Capitolo 1

Una principessina di cinque anni si ammala e i taumaturghi non riescono, nonostante gli sforzi, a sanarla.
Un drago vive nelle montagne del nord, egli ha il potere di guarire qualunque male.
Un gruppo di tre amici si reca sulle montagne, per trovare il drago e ottenere un rimedio che guarisca la piccola.
Il viaggio è lungo e pericoloso; i tre ragazzi devono affrontare molti pericoli.


Capitolo 1

Un male incurabile

Il regno delle due primavere, chiamato così per il fatto che la stagione dei germogli cominciava prima delle altre regioni e si prolungava oltre il solito, fu di recente invaso da una epidemia, e i guaritori dovettero faticare parecchio per trovare la cura ai malati.
Non tutti però sono stati guariti; una bambina, la figlia dei sovrani, era ancora molto malata, e i suoi guaritori dissero che non potevano affrontare il male che ancora si accaniva sulla piccola.

«Ser Aimon, in che condizioni trovate la mia bambina?» Chiese il padre di Soinin, la piccola principessa; Soinin ha solamente cinque anni.
«Mi dispiace... Sire, ma la piccola sta molto male e io non riesco a capire... non ho la cura...» Rispose il guaritore, rassegnato.
«Avete provato tutto ciò che è nelle vostre conoscenze? Io posso... che cosa posso fare?» Disse, addolorato, il padre della bambina.

«Io, Sire... se permettete...» Disse l'aiutante.
«Tianen! non incominciare con le tue fantasticherie.» Disse subito il guaritore al suo assistente, ma il padre della bimba lo pregò:
«Ditemi... Tianen... cosa sapete?» Il padre della bimba avrebbe fatto qualunque cosa pur di salvare la figlia e volle ascoltare Tianen, che disse:
«So di un magico drago che vive oltre le montagne delle aquile assassine; questo drago ha il potere, col suo tocco, di rendere una coppa d'acqua capace di guarire qualunque male.»
«Sono antiche e sciocche credenze, Sire.» Disse il guaritore. Ma il Sovrano, che oramai era disperato, disse ancora al giovane Tianen:
«Voi, Tianen, sapreste dirmi come ottenere una coppa d'acqua, incantata dal drago?» In quel momento si sentirono i lamenti di dolore della bimba.

«Signore, se volete posso recarmi io alle montagne per trovare il drago.» Disse Tianen, addolorato per i lamenti della piccola. Il Sovrano rispose, a questo gesto di compassione:
«Se mi porterai la pozione, io ti darò un terzo dei tesori in mio possesso.» Tianen accettò e si congedò dal Sovrano dicendo:
«Mio Signore, non so quanto tempo mi ci vorrà, ma farò di tutto per avere la pozione per la sua bambina.» Il giovane Tianen si avviò per trovare due suoi amici; Shaira e Owel.
«Devo recarmi alle montagne del drago.» Disse Tianen ai suoi amici.

«Che ci fai alle montagne del drago, Tianen?» Chiese Owel. Tianen rispose:
«Devo portare una pozione per guarire la bimba del Sovrano. Mi occorre il vostro aiuto, volete venire con me?» I suoi amici ci pensarono un po' e poi, anche se leggermente incerti, decisero:
« D'accordo; soprattuto per la piccola Soinin.»
I tre ragazzi si diedero appuntamento alla casa del Sovrano, il mattino del giorno dopo. Dal Sovrano ebbero quattro cavalli; uno serviva per trasportare la scorta di viveri e cose varie. I tre ragazzi si avviarono quando il sole era già alto nel cielo, al primo giorno del mese di maggio. Dovevano attraversare il territorio confinante col loro regno, e dato che non erano in ottimi rapporti, decisero di attraversarlo di notte.

Arrivati al confine si fermarono per attendere la sera, in modo da non essere visti, mentre entravano nel regno confinante.
«Attendiamo qua, accanto a questo ruscello; quando arriverà la notte ci addentreremo.» Disse Tianen, mentre Owel preparava la cena, ma senza accendere il fuoco.
Shaira invece era seduta per terra e ammirava il paesaggio attorno; non era mai stata fuori dal regno, e questo la affascinava tanto. I tre ragazzi erano molto giovani, avevano meno di vent'anni.

I genitori erano morti e loro vivevano assieme, in una vecchia casa abbandonata; si procuravano i viveri facendo delle piccole commissioni per gli abitanti del regno, e questa volta, forse, avevano trovato il modo per sistemarsi a vita.
Non crediate, però, che sia solo per il compenso, che essi si recavano alle montagne del drago; erano ragazzi sensibili e intelligenti.

Praticamente dei bravi ragazzi, come lo siete voi.

Tianen era un tipo molto deciso, e gli altri due si fidavano sempre, o quasi, delle sue scelte.
Era giunta la sera, e i tre ragazzi si prepararono per entrare nel regno confinante con il loro.
«Cosa troveremo là?» Chiese Owel a Tianen.
«Non lo so per certo, ma stiamo attenti.» Rispose Tianen, con tono molto serio.
«Attenti a cosa?» Esclamò Shaira.
«Ho sentito che in queste terre vi sono degli esseri che vagano di notte, come lupi affamati.» Disse ancora Tianen, facendo rabbrividire i suoi amici che già spalancavano gli occhi dal terrore.

«Scherzavo; ha!ha!ha! Che facce che avete fatto; siete dei fifoni.» Disse ancora Tianen, ridendo di gusto.
«Ma lo sai cosa sei, eh? sei un cretino.» Disse Shaira, tirando un sospiro di sollievo.
«Si! Tianen, non farlo mai più.» Aggiunse anche Owel, un po' indispettito.

«Va bene! ora basta scherzare, capito?» Disse Tianen, ridendo ancora.
«Ma guarda questo.» Disse Shaira a bassa voce, mentre saliva sul cavallo. Si avviarono verso il regno confinante; lentamente, perché era buio; fortunatamente il cielo era senza nuvole, e il chiarore lunare illuminava il loro cammino.




Titolo: Le mani del magico drago - Capitolo 1
Categoria: Racconti FantasyItalia
Autore: tobons
Aggiunto: October 24th 2007
Viste: 498 Times
Voto:Top of All
Opzioni: Invia a un amico  Stampa
  

[ Torna a Racconti FantasyItalia Principale | Scrivi Commento ]


 
 

Leggi informativa estesa sull'uso dei cookies

Copyright © 2003/4/5 by Fantasy Italia
Generazione pagina: 0.15 Secondi