Fantasy Italia  
 
 
•  Portale  •  Indice del Forum  •  Galleria Fantasy  •  Downloads  •  Profilo  •
 
 
La Leggenda del Drago Verde

Nessun Giocatore Online

Entra nella Leggenda!

Menù
Home :
· Portale
· Forum
· GdR & Fantasy
· Chi siamo
· Chat
· Sondaggi
News :
 Argomenti
 Archivio Articoli
 Invia News
 Cerca
Biblioteca :
 Racconti
 Biografie
 Recensioni
 Invia Racconto
Galleria :
 Galleria Fantasy
 Galleria Utenti
 Invia Immagine
Downloads :
 Downloads
 Invia File
Links :
 Web Links
 Segnala Link
 Scambio Banner
Informazioni :
 Contattaci
 Statistiche
 Top 10
Sondaggio
Qual'è il miglior GDR di tutti i tempi edito in italia?

Cthulhu
Cyberpunk
OD&D (D&D basic + expert set)
Advanced D&D 2nd ed
D&D 3 e 3.5
D&D 4
Girsa
GURPS
Lone Wolf
Paranoia
Vampiri: masquerade
Vampiri: il requiem



Risultati
Sondaggi

Voti: 3100
Commenti: 10
Siti Partner
www.lanotteeterna.com
La Notte Eterna


www.skypok-design.com
Skypok Design


morgensterngdr.altervista.org
Morgenstern GDR


The Black Circle
The Black Circle


www.visivagroup.it
Visiva Group


www.terrediextramondo.com
Terre di Extramondo


www.labarriera.net
La Barriera


www.kaosonline.it
Kaos Online


Diventa Partner

Il grande albero

Il grande Albero


Io mi sentivo diverso. Ero diverso.
In un mondo privo di emozioni, dove la tecnologia aveva preso il sopravvento, noi bambini eravamo soli, abbandonati davanti ad una macchina infernale che si cibava del nostro tempo rubandoci la parola. Gli adulti reputavano la macchina uno strumento per placare gli animi più vivaci. Finchè il bambino o ragazzo che era, rimaneva concentrato nella scatola diabolica sembrava calmo e rilassato, ma quando la spegneva sentiva tanta frustrazione e rabbia dentro di sé.
Io soffrivo di una allergia singolare. Ero allergico alla tecnologia. Il mio corpo si rifiutava di assorbire le onde prodotte da quei macchinari.
La mia famiglia mi abbandonò per la strada e io crebbi da solo. A dieci anni compiuti venni a sapere di un essere in via di estinzione, chiamato Albero. Dopo un anno di ricerche lo trovai. Abitava su di un isola arida e spoglia dove il tempo si era fermato.
"E' permesso?" dissi spalancando la porta di una minuta casetta in legno. "Chi osa entrare nella mia casa... dopo quello che mi avete fatto!?" rispose una voce cupa e roca. Quando entrai, la mia allergia, che fino a un minuto prima mi arrossava le guance, svanì. "Ssono...Gabriel. Forse lei può aiutarmi a vivere?" sussurrai. A quelle parole l'Albero ammutolì sconcertato. Poi disse:"In questo mondo c'è ancora qualcuno che vuole vivere....?""Figliolo, tu sei diverso...Vieni con me, ti mostrerò il mondo com' era un tempo."continuò. Guardai dentro ad una sfera al centro della stanza. Boschi verdi e montagne immense ricoprivano la Terra. Laghi e fiumi arricchivano il paesaggio. Guardavo incredulo quel mondo che tanto desideravo. "Eh sì, ragazzo. Sotto queste mura di cemento e latta c' è un mondo così. Un mondo Vivo." bisbigliò.

Critica

Il racconto presenta un bambino che è allergico alla tecnologia e che trova conforto soltanto nell' "Albero", poichè i genitori lo hanno abbandonato. L'Albero si rende conto di non aver un bambino davanti a sé, ma una persona più adulta, che si è resa conto di non riuscire a vivere la propria vita in questo mondo, dove le macchine hanno il sopravvento su tutta l' umanità. Guardando nella sfera il ragazzo sente una flebile speranza, che gli appartiene.




Titolo: Il grande albero
Categoria: Racconti FantasyItalia
Autore: Alex
Aggiunto: December 23rd 2006
Viste: 745 Times
Voto:Top of All
Opzioni: Invia a un amico  Stampa
  

[ Torna a Racconti FantasyItalia Principale | Scrivi Commento ]


 
 

Leggi informativa estesa sull'uso dei cookies

Copyright © 2003/4/5 by Fantasy Italia
Generazione pagina: 0.09 Secondi