Category: Racconti FantasyItalia
Review Title: Cogli l'attimo


Seduto lungo la costa di Cayren, Kore il piromante voltava le spalle alla sua ultima creazione, disegnando figure astratte in riva al mare. Era lì dal tramonto del giorno prima, la veste rossa ricoperta oramai di salsedine. Dietro di lui, la Piramide Purpurea - il suo progetto più ambizioso - scintillava gigantesca sotto i primi raggi del sole. Appena eretta, sembrava davvero l'ottava meraviglia del Mar Meridiano. “Vorrei sapere chi ha inventato il detto idiota: Cogli l’Attimo” disse l'uomo imbronciato. Riprese a disegnare strane simbologie sulla sabbia, che le carezze del mare, a mano a mano, cancellavano. Ricordava lo stato d'animo euforico con cui era iniziata la giornata precedente. Una vita prima. Lui e Myrcella avevano lavorato mesi e mesi all’idea. Si amavano, per quanto strano fosse fra un adepto del Fuoco e una del Mare, o forse proprio per questa loro diversità. Era stato lui a “vedere” il Disegno per primo, ma insieme all'amata lo aveva sviluppato nei dettagli. Era costato una fortuna, solo il farsi predire dal veggente kalth la data esatta della particolare assonanza di astri necessaria alla creazione; e quel costo l'aveva pagato lei, con alcuni rari coralli dell’Abisso Usto. Il giorno della Realizzazione, però, Myrcella era in ritardo, e l'allineamento propizio delle stelle danzanti stava per sfaldarsi. Il timore di veder sfumare l'Occasione gli aveva acceso un fuoco livido in cuore. Si era voltato verso il mare, aveva proteso il suo Potere chiamandola, ma non aveva ottenuto risposta. E ora, l'uomo sulla spiaggia mormorava sarcastico: “Cogli l'Attimo. Già.” Le ondate intanto erano arrivate a lambirgli la punta delle scarpe damascate, infradiciandole. Rammentava di esserselo ripetuto, quel proverbio, mentre cedeva alla fretta e operava l'incantamento necessario a scavare la montagna ferrosa da cui modellare la piramide. Scatenata l'energia Pyr i suoi polmoni s'erano inebriati della fragranza di lava e cenere respirata nel liquefare la roccia grezza, scavarvi dentro gallerie e aule, modellare a mani nude le mura esterne. Nell'estasi della creazione vedeva la folla dei magi pari loro, che sarebbero venuti ad abitarla. Posta alla confluenza del tracciato del Lept con altre quattro vie minori, sorgeva in un luogo ove le Correnti Elementali confluivano, rendendo possibile esaminare i sigyn saekull in modi prima inusitati. Solo una volta finito aveva percepito una presenza al suo fianco. Myrcella era finalmente giunta, senza che lui se ne fosse accorto. Si era avvicinata fissando l'Opera in rovente costruzione e, spostato lo sguardo gelido sul piromante, aveva detto: “Ben Fatto!” Poi era tornata indietro tra le onde, riempiendosi i polmoni d'acqua e discendendo sempre più sino in fondo al suo regno di studi ed esperimenti. “Ti prego, torna!” sussurrò l'uomo dalle vesti scolorite.
Le onde gli arrivavano alla cintola, quando udì i primi scricchiolii. La Piramide creata con la foga di Pyr ma senza la temperanza di Tethi, crollò miseramente. Kore, senza nemmeno voltarsi, bofonchiò: “Ecco. L'Attimo... bell'affare!”
This review comes from Fantasy Italia
http://www.fantasyitalia.it

The URL for this review is:
http://www.fantasyitalia.it/modules.php?name=MReviews&op=show&rid=371