Portale   •  Indice del Forum   •  Cerca  •  Lista degli utenti  •  Gruppi utenti  •  Registrati  •  Profilo  •  Messaggi Privati  •  Login
 
 
 il duello del cuore Successivo
Precedente
Nuovo TopicRispondi
Autore Messaggio
yanez73
Esploratore
Esploratore


Registrato: 20/04/11 11:39
Messaggi: 438
Località: Roma

MessaggioInviato: Dom Set 04, 2011 7:54 am Rispondi citandoTorna in cima

Parliamo di cose serie?
Parliamo di duelli.
Li colleziono: al cinema, in letteratura, per me sono un ottimo ingrediente nella torta dell’avventura. Non tutti, intendiamoci. Un duello che si rispetti deve rispondere a dei criteri di qualità.
Fondamentale, per me, è la credibilità psicologica. Un buon duello nasce dalle premesse. I due si odiano? Perché si battono? Qual è il meccanismo che li muove? Poi una buona coreografia non guasta, magari con qualche dettaglio tecnico che trovo sempre solleticante, anche se non ci capisco una cippa: “tirò di dritto” (oddio.. spero di non confondermi con il tennis!), “parata di seconda”, eccetera.
Ricordo ancora il mio entusiasmo, da piccolo, davanti a un vecchissimo film hollywoodiano, “Scaramouche”: il duello finale – ambientato in un teatro - dura 10 minuti, una pacchia assoluta: salti da un palco all’altro, cordoni del sipario usati come liane di Tarzan, i due contendenti fanno danni per milioni di franchi (francesi: l’azione è ambientata nella Francia di prima della rivoluzione).
http://www.youtube.com/watch?v=p2r7hq5Wkrs
Poi ho delle preferenze personali: mi piacciono all’arma bianca (dallo spadone medioevale alla spada laser di “Guerre stellari”) e possibilmente – ma non necessariamente - all’ultimo sangue. Ma questo non deve condizionarvi..
Sono il solo ad amarli?
Se così non è, propongo un argomento: il duello del vostro cuore. Duello letto, visto, inventato.. vi va di condividerlo? Di scrivere due righe spiegando come era e perché vi è piaciuto?
Ringrazio in anticipo chiunque mi risponda! Smile

PS: non sono affatto sicuro di avere inserito questo post nella sezione giusta. Prego i Mod di comprendere e perdonare. E, eventualmente, di spostare!

_________________
"Gli strinse la mano: era fredda come quella di un serpente." (Ponson Du Terrail)

Ultima modifica di yanez73 il Dom Set 04, 2011 7:59 am, modificato 1 volta in totale
ProfiloMessaggio privatoMSN Messenger
yanez73
Esploratore
Esploratore


Registrato: 20/04/11 11:39
Messaggi: 438
Località: Roma

MessaggioInviato: Dom Set 04, 2011 7:57 am Rispondi citandoTorna in cima

E adesso, siccome ho proposto io l’argomento (e sono anche grafomane), comincio col rispondermi da solo.
Il duello che ho riletto più volte è quello di “Vent’anni dopo” di Dumas (il seguito de “I tre moschettieri”): un duello che – da come si preannuncia – è poco meno di una vera e propria esecuzione. I quattro moschettieri (D’Artagnan, Athos, Porthos e Aramis) da una parte, il figlio di Mylady, il giovane e serpentesco Mordaunt dall’altra. I quattro lo hanno catturato, vogliono fargli la pelle (hanno ottime ragioni, se ben ricordo), ma non vogliono assassinarlo a sangue freddo; quindi gli propongono di battersi con tutti loro, a turno. Se li uccide tutti è libero. Il teatro dell’azione è una stanza nella casa di Mordaunt, a Londra.
E’ chiaro che Mordaunt ha poco da essere allegro Twisted Evil ; ma, visto che, quando se li è visti davanti, pensava di essere un uomo morto, non trova niente da ridire alla proposta. Si tira a sorte e il caso gli mette contro per primo D’Artagnan. I due incrociano le lame e Mordaunt comincia a spostarsi, nella stanza, in modo da invertire la sua posizione con quella dell’avversario; poi comincia ad arretrare, e finisce con le spalle al muro. Fantastica la frase che D’Artagnan, a questo punto, rivolge agli altri tre che assistono al duello. La cito a memoria: “Signori, avete mai visto uno scorpione inchiodato al muro? Ebbene, lo vedrete!”. Invece, Mordaunt li gioca tutti: fa scorrere la mano sinistra sulla parete alle sue spalle, trova il meccanismo che apre un passaggio segreto, e sparisce nel muro. D’Artagnan gli tira un’ultima stoccata e la sua spada si spezza “come se fosse stata di vetro” nella parete scorrevole che si richiude.
Un duello che rompe tutti i canoni classici: i “buoni” gabbati (e neanche tanto simpatici, data la situazione), il “cattivo” che la fa franca. E, alla fine, il duello finale non c’è neppure: leggere per credere!

C’è qualcuno che rilancia? Wink

_________________
"Gli strinse la mano: era fredda come quella di un serpente." (Ponson Du Terrail)
ProfiloMessaggio privatoMSN Messenger
Curunir
Sentinella
Sentinella


Registrato: 02/07/11 21:30
Messaggi: 125

MessaggioInviato: Ven Set 09, 2011 10:58 pm Rispondi citandoTorna in cima

Trovare il migliore è impossibile nè sono mai riuscito a redigere una top ten, ma semplicemente suddivido i duelli in indegni, dignitosi e leggendari.

Se devo pescarne uno dai leggendari però non lo faccio a cuor leggero, ma indico uno di quelli che mi hanno plasmato sul fronte dell'immaginario e alimentato la passione per il genere che questo forum porta come uno stendardo. Il mio avatar, tra l'altro, ritrae proprio tale duello.

Misurato e saggio, paziente anche nella sofferenza anche se caparbio era stato fino alla Dagor Bragollach, Fingolfin.
La battaglia fu un disastro, l'assedio che cingeva l'Oscuro Signore venne spezzato, i figli di Fëanor dispersi o uccisi e i loro regni distrutti, e le forze del Male libere di aggirarsi per tutto il nord.
Il signore dei Noldor che in passato ebbe a regger la tracotanza di suo fratello, mai s'era abbandonato ad eccessi.
Ma quando s'avvide nella sua lungimiranza che tutto era finito, e che Morgoth, l'Avversario ebbe ottenuto l'ennesimo e inguaribile trionfo, montò in collera. Si lanciò da solo, a cavallo, attraverso le ceneri dell'Anfauglith, mentre orchi e persino balrog fuggirono di fronte alla sua ira lucente, convinti che si trattasse non già di un elfo qual era, ma di Oromë, il vala, dio cacciatore.
Giunto a Thangorodrim dimora dell'Avversario, Fingolfin urlò a Morgoth la sua sfida a singolar tenzone, e si disse anche che Morgoth raccolse la sfida controvoglia, e solo per non perdere la faccia di fronte ai suoi generali. I due duellarono davanti ai cancelli di Angband. La spada di Fingolfin, Ringil, ferì Morgoth sette volte e gli tagliò il piede. La stanchezza ebbe presto il sopravvento sul re elfico, e morì sotto i colpi di Grond, il Martello degli Inferi, l'arma di Morgoth. Morgoth in seguito non guarì mai da queste ferite, e da allora andò in giro zoppicando...


Per chi non ha letto Il Silmarillion troverà difficile anche solo intendere ciò che ho riportato a causa dei nomi e riferimenti non descritti, ma sappiate che è decisamente voluto. Ho troppa stima per l'aulicità dei contenuti da non defreudarne più di quanto ho fatto la prosa.
Bisogna immergersi in Tolkien, comprendere il passato e il futuro di quell'evento per trarre quel senso tragico che permea nella fine di Fingolfin, ma il compito spetta solo agli audaci lettori non a me.
Io non posso dire, niente di più, su questo duello del cuore.
ProfiloMessaggio privato
Grifis
Gladiatore
Gladiatore


Registrato: 09/11/07 20:09
Messaggi: 1655
Località: La terra del Sole... Siracusa

MessaggioInviato: Sab Set 10, 2011 3:48 pm Rispondi citandoTorna in cima

Uno dei pochi duelli che ricordo (e che ammetto di aver rinfrescato appositamente per questo topic) è quello tra Orpheus e Skorpion descritto nella fase conclusiva de "il grande gladiatore" di Gordon Russell.

Skorpion, campione di Vitellio, e Orpheus, Valerio, ex medico delle gallie, fratello di Antonio Primo (generale di Vespasiano astante ormai alle porte di Roma). Un duello nell'arena che preannuncia la notte in cui i flaviani riporteranno ordine nell'impero concludendo l'anno dei 4 imperatori. Un duello senza esclusione di colpi ma assolutamente regolare tra due campioni dell'arena spinti da motivazioni estremamente diverse: fama, gloria e ludica crudeltà per il primo, desiderio di vendetta per Orpheus; vendetta degli amici e della donna che ha amato. Un duello forse dal finale un po' scontato perchè in linea con i personaggi ma che mi ha lasciato assolutamente soddisfatto Wink

Ps. Questo è l'unico romanzo che ho letto 2 volte in vita mia Laughing

_________________
#nofriendzone
#cinquantasfumaturediGaldor
#dovèildistributoredidurexquandoserve

Fiero membro degli Orsetti Pisoloni asd2
Lupacchiotto di Fantasy Italia
ProfiloMessaggio privatoMSN Messenger
yanez73
Esploratore
Esploratore


Registrato: 20/04/11 11:39
Messaggi: 438
Località: Roma

MessaggioInviato: Lun Set 12, 2011 9:45 am Rispondi citandoTorna in cima

Purtroppo non ho letto nè l'uno nè l'altro; dovrò provvedere - anche se il Silmarillion mi spaventa un po'. Wink

Però, visto che la classificazione dei duelli in "indegni, dignitosi e leggendari" mi piace assai asd2 ne propongo un altro che direi leggendario.
George RR Martin di duelli ce ne regala parecchi: ma chi tra quanti lo hanno letto non si è entusiasmato di fronte al brutalissimo duello tra il principe Oberyn Martell e Ser Gregor Clegane, detto "la montagna che cavalca" per la sua mole spaventosa? E chi non è rimasto senza parole per il suo epilogo assolutamente inaspettato?

_________________
"Gli strinse la mano: era fredda come quella di un serpente." (Ponson Du Terrail)
ProfiloMessaggio privatoMSN Messenger
Magistra Ro
Cavaliere
Cavaliere


Registrato: 18/09/05 09:02
Messaggi: 3024

MessaggioInviato: Mar Gen 03, 2012 6:47 pm Rispondi citandoTorna in cima

ooooh... i duelli...
essendo cresciuta a film d'avventura, di quelli con Errol Flynn per intenderci, con salite e discese da scalinate senza corrimano, candele che volavano via, lampadari che fungevano da "discensori", e così via, beh - che bellezza!- il vecchio Errol e Basil Rathbone erano imbattibili http://www.youtube.com/watch?v=McDfLkLqJAE
Duelli divertenti, invece, quelli dei Tre Moschettieri di Gene Kelly.
Il più tragico, quello tra Artù e Mordred in Excalibur, impalati a vicenda.
Che bello il cinema d'avventura (o fantasy) prima della contaminazione della Tigre e il Dragone!

Nella letteratura, quello che mi viene in mente ora (dato che ho letto il romanzo da poco) in Il Giocatore Occulto di Perez Reverte, le "sfide a distanza" tra il commissario e il serial killer e tra il capitano francese (e il suo cannone) e l'intera città di Cadice.
E poi i vari duelli descritti nella saga dei Drenai dal rimpiantissimo David Gemmell.

_________________
http://www.siouxsiemantaray.com/siouxsie.htm
Più che orgogliosa membra A.F.A. e Cavaliera del Tiè, nonché Tutor dei Sith dell'Emilia-Romagna - Maggistra Maxima e Regina delle Meduse - Club OVER
ProfiloMessaggio privatoInvia emailMSN Messenger
Akhayla
Guardiano
Guardiano


Registrato: 09/11/07 02:29
Messaggi: 5651
Località: Asgard

MessaggioInviato: Mar Gen 03, 2012 7:36 pm Rispondi citandoTorna in cima

Magistra Ro ha scritto:

Duelli divertenti, invece, quelli dei Tre Moschettieri di Gene Kelly.

LOL! Me lo ricordo benissimo, e a distanza di anni me lo rivedo ogni tanto perché è spettacolare asd

_________________
Piccolo angelo bellerrimo crudele sanguinario...

Io sono una creatura del Caos. Ma dal Caos nasce la saggezza, e dalla saggezza il potere.

ProfiloMessaggio privato
Mostra prima i messaggi di:      
Nuovo TopicRispondi


 Vai a:   



Successivo
Precedente
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi downloadare gli allegati in questo forum



Leggi informativa estesa sull'uso dei cookies

Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Copyright © 2003-2015 by Fantasy Italia